TAG Montagna

Tornare indietro sulle Comunità un grave errore

L'esito dei referendum per l'accorpamento dei Comuni ci dice molte cose. Chi ha pensato all'accorpamento come l'alternativa alle Comunità di Valle (il Patt, un pezzo rilevante del PD, il centrodestra e la Lega storicamente avversi alle Comunità, ma anche chi li ha sostenuti su questa strada) si è sbagliato di grosso. L'aver in buona sostanza recentemente sterilizzato la legge di riforma dell'assetto istituzionale trentino (la LP 3/2006), tornando indietro rispetto ad una delle scelte più importanti delle ultime legislature per ridisegnare il rapporto fra la PAT e il territorio, è stato un grave errore. La nascita delle Comunità di Valle prevedeva un passaggio di competenze importanti sul piano della programmazione territoriale tanto dalla PAT alle Comunità, quanto dai Comuni alle Comunità.

continua »

Qualità del paesaggio e filiere produttive

Pubblichiamo l'introduzione dell'interessante documento redatto da Sergio Remi (consulente per Trentino Sviluppo) sul tema dello sviluppo territoriale. Crediamo possa essere un ottimo contributo dal quale iniziare una riflessione sulle future prospettive economiche - e non solo - del Trentino. L'intero materiale è scaricabile accedendo al link inserito alla fine dell'articolo.

Trentino Sviluppo, su mandato dell’Assessorato all’urbanistica della PAT, sta accompagnando il processo di formazione dei piani territoriali in diverse Comunità di valle. L’attività d’inchiesta territoriale e d’animazione socio-economica a supporto della programmazione è partita da alcune considerazioni.

continua »

Il PD e la prospettiva territoriale

  • giovedì, 7 novembre 2013

Luca Paolazzi

Il dibattito che si sta svolgendo sulle pagine di questo quotidiano in merito al ruolo del PD del Trentino dimostra come non ci sia solo una politica che si nutre di convenienze, di tattiche e di progetti a breve termine, ma che esiste ancora una politica capace di elaborare un pensiero lungo, idee, visioni e strategie.

continua »

Terre alte

  • giovedì, 26 settembre 2013

Annibale Salsa

[...] Mi permetto di sottolineare alcuni aspetti che ritengo strategici per la Provincia Autonoma di Trento.
1) Rafforzamento del ruolo di cerniera intra-alpina del Trentino che dovra' comportare l'abbandono di ogni assimilazione padana (allevamenti e monoculture da pianura) ed il privilegiamento dello sguardo verso Nord (Tirolo storico) attraverso GECT e Euroregione.

continua »

Rifiuti

  • martedì, 24 settembre 2013

Andrea Tomasi e Jacopo Valenti

I rifiuti illeciti arrivano nel profondo nord, stoccati in ex cave, in teoria destinate a diventare siti di ripristino ambientale. In Trentino - sì, nel Trentino delle montagne, dello sci, delle passeggiate naturalistiche, degli agriturismi - fra il 2007 e il 2011, il Corpo forestale dello Stato solleva il coperchio su una pentola di veleni.

continua »

L'idea di una politica diversa

  • martedì, 20 agosto 2013

Marika Damaggio

Questione di stile, ma non solo. Ci sono giovani che non amplificano i decibel. Alla voce grossa preferiscono la forza dei concetti, la pacatezza del pensiero. Allo iato preferiscono il dittongo. Così è Luca Paolazzi: garbato. Ventisette anni, presidente dell’associazione Politica responsabile, membro del direttivo del circolo Pd di Lavis.

continua »

Forum 4: Governo del territorio

Governo del territorio: urbanistica, ambiente e tutela del paesaggio, infrastrutture, mobilità, trasporti, lavori pubblici.

Il governo del territorio, dato l’alto numero di interessi pubblici e privati sui quali incide, è di per sé un’attività complessa. Esso si configura come un’attività avente una funzione normativa ed è lo strumento attraverso il quale governare la trasformazione e lo sviluppo di un territorio e le dinamiche socio-economiche che su quel territorio insistono. La forte integrazione tra lo sviluppo di un territorio, le scelte localizzative, lo sviluppo economico e la regolazione delle dinamiche sociali, impongono il coordinamento tra gli strumenti di pianificazione territoriale e quelli di programmazione economica, in un disegno istituzionale dto di governance multilivello.

continua »

Forum 1: Benessere e qualità della vita

Benessere e qualità della vita: lavoro, occupazione, politiche sociali, politiche per la casa, pari opportunità, immigrazione, sport.

Affermare che i tradizionali modelli di welfare stiano subendo una profonda mutazione è fin troppo scontato. Lo spazio in cui le politiche assistenziali, sociali e sanitarie si determinano, è mutato sotto molti aspetti: sono cambiati i livelli di governo, in un continuum più o meno lineare che va dagli enti territoriali all’Unione europea, passando per gli stati nazionali; sono cambiati gli attori che concorrono alla realizzazione di queste politiche, e così l’ente pubblico a volte eroga, a volte regola, a volte sta a guardare; sono cambiati i bisogni, le domande di protezione sociale, le richieste che emergono da una società sempre piùarticolata e plurale.

continua »

Belluno: una provincia scomoda

"Si immagini una casa abitata da sette inquilini. Una vecchia casa di montagna dai soffitti bassi, pensati apposta per non disperdere il calore. [...]" Comincia così, in forma di racconto, l'editoriale di Simone Gasperin. Se nelle ultime due settimane il tema in discussione era la comparazione fra modelli autonomistici europei - con sullo sfondo ipotesi secessioniste -,  da oggi su Politica Responsabile si parla di referundum per l'annessione, di terre alte e della possibile nascita di una nuova provincia autonoma al confine con il Trentino-Alto Adige. Si parte da Belluno per arrivare alle caratteristiche che accomunano i territori montani.

continua »

Autonomismo alpino

runner in montagnaQual è l’impatto di questa crisi strutturale sui territori alpini e quali saranno le conseguenze? Come spesso accade in tempi di crisi, anche la forbice delle differenze tra territori si allarga. Quel che segue è un’analisi fondata su tre punti di vista: i tagli alla spesa pubblica, la situazione economica e occupazionale e l’accentramento amministrativo. Le differenze fra i territori si faranno sentire anche in relazione alla crisi e politiche uguali per tutti sono destinate ad accentuare le disparità.

continua »

Un progetto politico per le Alpi

alpsDalla cooperazione transfrontaliera allo sviluppo condiviso e alle strategie macroregionali. La frammentazione e la variabilità delle competenze amministrative inducono a un ripensamento generale della gestione dei territori alpini. Un passo ulteriore, forse indispensabile, è quello di  creare le condizioni per un progetto politico condiviso per le aree montane nella regione alpina.

continua »

Montagne

Questa torrida estate ci invita a sognare lunghi soggiorni in montagna e stimola una domanda: le montagne sono un semplice corrugamento della crosta terrestre, una barriera all’orizzonte degli uomini, un mero dato geografico? No, per fortuna. L’universo delle montagne rappresenta un insieme di valori, un sistema di riferimenti che caratterizza la vita quotidiana di milioni di uomini e donne.

continua »

|