temi

ARCHIVIO

Social network per cosa

rete politica responsabileCosa dire. A cosa dare precedenza. Nell'agorà il cosa è importante. Come in parlamento, anche nell'agorà le priorità in agenda sono fondamentali. Fare politica è anche discernere le questioni che "dovrebbero interessare" i più da quelle che dovrebbero interessare un'esigua minoranza se non, addirittura, un singolo. Ma anche il come e l'attraverso cosa è altrettanto importante. Se i temi, affrontati anche da questo sito, non vengono tradotti e comunicati ai più a che servono? Non si verrebbe, forse, ad aumentare il divario su chi ragiona attorno alla cosa pubblica e chi viene lasciato ai margini?

continua »

I.N.R.I.

INRII passi della Scrittura che vengono letti, pregati, meditati nella Settimana Santa sono - anche - testi di pedagogia politica. Può essere un'ovvietà, ma perché non ritornarci? Gli ingredienti ci sono tutti: una città e un impero, una nazione occupata e una lotta di liberazione, intrighi di palazzi civili e religiosi, alleanze e tradimenti, azioni collettive di movimenti e partiti, e la "folla", soprusi e processi, torture e pene capitali. E, immancabili, a muovere gli attori, il potere e il denaro.

continua »

La diversità dei Sinti

SintiL'irriducibilità della cultura romanì è sempre stata quanto di più difficile e sfuggente da indagare. L'assenza è la cifra del loro vivere nel mondo dei Gage (il nostro). In questi ultimi anni assistiamo però a un fenomeno nuovo e insolito: i Sinti in Trentino hanno deciso di proporsi attivamente sul fronte delle politiche pubbliche che li riguardano. Partecipano ai tavoli, incontrano esponenti dell'amministrazione, avanzano soluzioni. Sarebbe da sconsiderati non cogliere l'opportunità che i Sinti trentini stanno offrendo a tutta la comunità.

continua »

Un’Autonomia più condivisa

condivisioneSi sta aprendo una nuova stagione dell'Autonomia. Non possiamo più guardare al governo del territorio con gli stessi occhi di un decennio fa. Il ruolo delle parti sociali si fa centrale. Non più elementi accessori, in un ruolo di ascolto e consultazione con lo scopo di integrare quanto deciso dalla politica, ma attori protagonisti nella definizione delle strategie di governo locale.

continua »

È possibile il ricambio generazionale?

escherChi naviga intorno ai trent'anni, sente il disagio di vivere da anni, da decenni, nella "categoria" giovanile. Una dimensione ormai "istituzionalizzata" dalla politica e dal mondo del lavoro. Più che la concretizzazione del mito faustiano «per sempre giovani», si tratta di una minaccia ai progetti di vita e la condanna a vivere in ruoli deresponsabilizzati.

Come può avvenire in Italia il cambio generazionale? Come si può accreditare una nuova classe dirigente?

continua »

Sollevazioni Arabe

sollevazioni arabe - politica responsabile.itUna radicale rottura con decenni di stagnazione che rischiava di diventare un aspetto peculiare delle società arabe. Le proteste, l'insurrezione, la sollevazione e la rivoluzione che stanno attraversando l'intera area araba, dalla Mauritania fino allo Yemen, evidenziano il desidero di una primavera, di rinascimento, delle popolazioni e la volontà di riscatto. Quali saranno le conseguenze di queste sollevazioni?

continua »

Storia del futuro

Futuro"Propongo di mettere a tema una suggestione e di promuovere un dibattito che, politicamente, vuol essere "inattuale". Il tema è questo: quale sarà il Trentino del 2040? Cioè il Trentino che ci sarà, forse, auspicabilmente o purtroppo, fra trent'anni?"

continua »

Il nuovo orizzonte del benessere

trentino ciclo stagioni buonconsiglioAnche il Trentino deve ricercare la sua "terza via" superando, da un lato, la dittatura del PIL e, dall'altro, la rassegnata accettazione di una mera decrescita. La prima strada, si è dimostrato, non è comunque sufficiente a garantire stabilità, sostenibilità ed equità, mentre la seconda trascinerebbe inevitabilmente con sé la coesione sociale.

continua »

Dopo Berlusconi

Chagall - VolareIn presenza di una manifesta crisi del governo Berlusconi non si riesce a presentare al Paese un'alternativa efficace e convincente. Sembra quasi che ciò che si sta avviando al tramonto non sia solo il "berlusconismo" ma la seconda Repubblica in quanto tale.

continua »

Rien ne va plus?

LiberalismIl futuro del nostro Paese, e quindi dei suoi giovani, può garantirsi con una profonda opera di riduzione del debito e della spesa pubblica, delle tasse, e con una liberalizzazione - tra l'altro - del mercato del lavoro. Tutte operazioni che richiederebbero di mettere da parte pragmatismo e conservatorismo; ma la politica italiana, ad oggi, non sembra davvero volerlo fare: rien ne va plus?

continua »

Una nuova Cooperazione

CooperazioneLa Cooperazione riuscirà ad essere protagonista anche in futuro? La risposta, fornita da molti economisti, è positiva: sì, la cooperazione è ancora valida, principalmente per il suo radicamento nel territorio.
Ora bisognerebbe davvero chiedersi: è sufficiente?

continua »

Cittadinanza euromediterranea

Elaborazione graficaUn progetto politico, l'Europa, che i padri fondatori immaginavano come insieme di minoranze, federativa, senza i propositi di egemonia che l'hanno portata alle guerre e ai campi di sterminio. Non uno spazio anestetico, che ci metta al riparo dalle contraddizioni, ma un luogo che sa ascoltare, che prova a scrutare l'orizzonte, che si mette in gioco predisponendosi al cambiamento.

continua »

Fango

Elaborazione da un disegno di Paolo TaitIl fango e il suo uso assumono oggi significati nuovi. È un fango immateriale quello che circola, ma molto consistente, un fango che mostra di avere due bersagli preferiti: l'altro e le istituzioni. Evoca l'aggressione contro l'altro e la sua integrità, la sua autostima e ricorre all'abiezione e alla turpitudine come criteri relazionali. È un fango che tracima e travolge il valore della vergogna sfondando ogni soglia etica.

continua »

Memoria, istruzioni per l’uso

La persistenza della memoriaCome si costruisce la memoria? Come è meglio che venga utilizzata? Su questi problemi la riflessione diventa molto attuale e investe alcuni dei tormentoni di questa estate 2010 e in particolare l'ormai super citato articolo/inchiesta di Stella e di Rizzo sul Corriere della Sera.

continua »

Manifesti

 

EuropaCon modalità e in contesti diversi (Veneto e Trentino), due manifesti regionali suggeriscono di cambiare schema di gioco, ripensare la politica a partire dai territori e dalle loro straordinarie energie, guardando al federalismo in una prospettiva europea.

continua »

pagina 5 di 6    123456 |